La rivoluzione digitale della moda: dall’era dell’informazione a quella della raccomandazione

Check this post La rivoluzione digitale della moda: dall’era dell’informazione a quella della raccomandazione from WoMarketing – di Andrea Colaianni:

Nell’epoca dei media sociali abbiamo visto fino a pochissimo tempo fa qualche settore in grado di resistere in parte alla necessità di sfruttare gli ambienti sociali come strumento di business e di conversazione. Il mondo  della moda si sono trovati di fronte ad  un bivio nel momento in cui il concetto di conversazione viene a scontrarsi con l’essenza “eterea” e irraggiungibile che le marche del lusso e  del fashion devono trasmettere.

Come vi ho mostrato in questo Fashion Audit il livello di engagement delle aziende del settore nei confronti degli utenti è quanto più disomogeneo tra le differenti marche.Tuttavia in occasione del WWD l’intervento di François-Henri Pinault (PPR Group) ci fa riflettere sul perché i social media e i contenuti di marca sono più che mai influenti sul destino di un brand fashion.

[C’é un video che non può essere mostrato in questo feed.Visita la pagina dell’articolo per poter vedere il video.]

Il ritorno all’edonismo:

Mi chiedevo chi influenza chi nel campo della moda. Anche se i consumatori sono diventati più scaltri e in grado di influenzare i trend e gli acquisti (come nel caso GAP anche le decisioni corporate), oggi più che mai prodotti del campo della moda non vengono acquistati per la loro valenza strumentale, ma per il simbolo sociale che essi portano con sé. I prodotti devono essere innovativi e di qualità, ma al tempo stesso capaci di creare delle connessioni tra persone.

Esiste un punto in cui l’influenza della marca si incontra con quella della creatività dei consumatori per dare vita all’innovazione. Sta alla stessa marca produrre contenuto in grado di guidare le comunità e trasformare le conversazioni in  innovazione.

L’overload di informazioni e il moltiplicarsi delle micro-tribu di cui facciamo parte, esigono degli strumenti che facilitino il filtraggio dei contenuti a gli utenti. Per questo dall’era dell’informazione (e della conversazione) andiamo verso la società della raccomandazione.

Mantenere la dimensione di esclusività e creatività assicurando un esperienza unica e allo stesso tempo un customer service innovativo, sarà la prossima sfida per i brand di lusso.

video via Buzz2luxe

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: