The Ultimate Minimalist: 5 Powerful Lessons You Can Learn From Gandhi

31/03/2010

Check this post The Ultimate Minimalist: 5 Powerful Lessons You Can Learn From Gandhi from Zen Habits:

Editor’s note: This is a guest post from Arvind Devalia, author of Get the Life you Love, and blogger at Make It Happen.

Would you like to learn some lessons in life from the ultimate minimalist?

Gandhi’s life offers us many key lessons — he practiced simplicity and minimalism in all areas of his life and he left behind a huge legacy in how to live a life of simplicity.

Gandhi was indeed the ultimate minimalist – a man who died a pauper but who affected the lives of many – and continues to inspire us with his message even today.

When Gandhi died, he had less than ten possessions including a watch, spectacles, sandals and eating bowl. He was a man of non-possession and didn’t even possess a house.

“You may have occasion to possess or use material things, but the secret of life lies in never missing them.” ~Gandhi

Gandhi was actually born into a prosperous family and had a very privileged upbringing, which included a prestigious education in England in the days when travel from India to England took many months by sea. He studied Law at University College in London and he was subsequently invited to join the Bar there.

Though born into wealth, he ultimately gave it all away and through the course of his life managed to let go of material trappings. He followed a life of simplicity.

1. Accumulate little

Gandhi believed in possessing little except the clothes he wore and some utensils for cooking and eating. He used to give away or auction any gift that was ever given to him.

It may not be possible these days for us to get down to less than ten possessions like Gandhi did, but start cutting down to bare basics. Recycle, give things away, or auction your unwanted possessions.

Take up the 100 thing challenge and see if you can get down to owning less than 100 or even less than 50 things.

We tend to spend a lot of time and energy looking after our possessions. By having fewer things to possess and look after, your life naturally becomes simpler.

Gandhi's life belongings

2. Eat simple food

Gandhi never had a problem with being overweight. He followed a strict vegetarian diet and frequently cooked his own simple food, which was locally produced.

He ate this simple food from a small bowl, a reminder to eat moderately, and at the same time he ate mindfully, often accompanied by prayers.

So eat simply and moderately.

3. Dress simply.

Gandhi wore simple clothes that conveyed his message.

There is this anecdotal story of the time when Gandhi met the King of Great Britain in London and he wore his simple wrap around cloth.

A journalist asked Gandhi, “Mr Gandhi, did you feel under-dressed when you met the King?”

Gandhi replied, “The King was wearing enough clothes for both of us!”

Though it may not be practical to weave your own cloth and make your own clothes, you can simplify your life by dressing for comfort, not to impress.

A simple hairstyle can shorten your grooming routine. You could even go as far as Gandhi and Leo Babauta and shave your hair off.

4. Lead a simple, stress-free life

Gandhi never got stressed. He meditated daily and spent hours in reflection and prayer.

Though he was a world leader and idolised by millions, he continued to lead a simple life with few distractions and commitments. He would even interrupt his political meetings to go off and play with children.

And despite all his needs being taken care off, Gandhi still insisted on doing his own simple things. He advocated self-sufficiency and simple work.

So don’t take life too seriously — remember to take time out to play.

5. Let your life be your message

Though he was a prolific writer and powerful speaker, in private Gandhi spoke very quietly and only when necessary. He was also very punchy and concise in his writing.

He preferred to let his life do the talking for him.

By living a simple life, Gandhi was able to devote his life to his chosen higher purpose. He was totally focussed on his commitment to his people and the world.

Even if you don’t wish to be another Gandhi, your life will be much simpler and happier by following his life lessons.

“If one has wealth, it does not mean that it should be thrown away and wife and children should be turned out of doors. It simply means that one must give up attachment of these things!” ~Gandhi

Start living a simpler life from today — and you will release a lot of time and energy. This will give you the space to create the life you really want to live, a life that is inspired and inspiring.

So does what you do and how you live convey your message to the world?

This is a guest post from Arvind Devalia, author of Get the Life you Love, and blogger at Make It Happen.


If you liked this guide, please bookmark it on Delicious or share on Twitter. Thanks, my friends.



Soffia il vento, infuria la Sensini…

31/03/2010

Check this post Soffia il vento, infuria la Sensini… from La Vela e la FIV (2010):


A Palma giornata straordinaria, la terza del programma della tappa di Coppa del Mondo ISAF per la vela olimpica. Trenta nodi di vento da nord al mattino, e tutti a terra, poi vari tentativi di sfidare la burrasca, escono i Finn (e rientrano quasi subito), escono gli Elliott e riescono a fare qualche match race sotto costa. Ed escono le tavole a vela, RSX maschili e femminili, alla fine saranno le uniche a disputare due manche. Wow!


Potete immaginare la giornata di Alessandra Sensini? Il Vicepresidente federale ha inforcato l’RSX e ha vissuto una di quelle sue tipiche giornate della serie “non ce n’è per nessuno”. Pronti, via, e sparita all’orizzonte. Chissà come fa: cavalca le onde, vola sul vento, quasi non la vedi, non ti rendi conto (soprattutto non si rendono conto le avversarie: ma dov’è?), e in un soffio è sul traguardo, a voltarsi indietro senza scorgere nessuno. Ne abbiamo viste di giornate così, quando il vento pompa oltre i 15-18 nodi e magari salticchia un po’ e poco importa se c’è onda o no: Madame Sensini fa una corsa, e il resto del mondo ne fa un’altra.

Così, ora la velista mondiale ISAF dell’anno 2008, la prima atleta del pianeta a conquistare 4 medaglie olimpiche nello yachting femminile, è…prima in classifica, al suo primo evento di World Cup dopo quasi due anni di sosta, di politica, di riflessioni. E’ tornata, o non è mai andata via? Intanto Palma non è finita, si attendono altri giorni di vento più leggero, qualche avversaria prova a tenere il passo (a fatica), e il dream-team delle azzurre si assesta: Laura Linares, la farfalla, leggera e in difficoltà con le sventolate, tutto sommato ha egregiamente tenuto botta (15-4), ed è sempre al 4° posto. Flavia Tartaglini, più esperta e tosta, l’aria l’ha fiutata e s’è tirata su parecchio (4-6). Così ora A-L-F sono rispettivamente 1-4-8 in classifica.

FABIAN
Il marinaretto, al contrario, ha sofferto troppo lo strappo del vento: 29-38, troppo male, troppo volato via. E’ sempre buon 6° ma staccato dal podio. Tra i primi è l’unico ad aver tracollato nella giornata ventosa. Niente di sconosciuto né trascendentale: ma c’è da lavorare. E comunque nessuno degli altri italiani, a cominciare da Federico Esposito, ha fatto vedere un altro passo in queste condizioni dure. I tre al comando sono Zubari (ISR), Ashley (NZL) e Kokkalanis (GRE).

In generale, forse più che in altre classi, le tavole offrono un panorama di atleti che ha caratteristiche tecniche molto meteo-sensibili. In una regata possono prevalere condizioni che favoriscono uno o l’altro, ma in una stagione spesso le condizioni si trovano tutte, e alla lunga prevale chi è meglio attrezzato all-round. Specie se si va verso le qualifiche olimpiche per nazioni (nel 2011).

IL VIDEO DELLA GIORNATA DI VENTONE A PALMA: L’ATTESA, LE ONDE, I FINN, L’ELLIOTT, LE TAVOLE VOLANTI…


La cybersecurity è sopravvalutata (negli Stati Uniti)?

31/03/2010

Check this post La cybersecurity è sopravvalutata (negli Stati Uniti)? from SILENDO:

Non sono l’unico a chiedermelo
Pubblicato da Silendo | Commenti (6)

Tag: stati uniti

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace


Strategie inglesi

29/03/2010

Check this post Strategie inglesi from SILENDO:

Il governo inglese ha pubblicato due interessanti "progress reports".Quello riguardante la strategia di sicurezza nazionale ("National Security Strategy: report on progress") e quello riguardante la strategia di contro-terrorismo ("The United Kingdom’s Strategy for Countering International Terrorism: Annual Report").
Pubblicato da Silendo | Commenti (16)

Tag: terrorismo, gran bretagna

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace


The Big Don’t Of Internet Marketing

29/03/2010

Check this post The Big Don’t Of Internet Marketing from Reciprocal Consulting Blog:

Internet marketing has few dos and don’ts. There are not a lot of rules and best practices is largely a matter of experimenting to see what works. Most Internet marketers today have learned from others who have gone before them and pioneered the strategies that are in common use. But there is one big, huge […]


Cambia convinzioni, per cambiare vita

29/03/2010

Check this post Cambia convinzioni, per cambiare vita from Blog EfficaceMente:

Un articolo sulle convinzioni limitanti e su cosa fare per eliminarle.

“La nostra vita è il risultato dei nostri pensieri.”

Marco Aurelio

Le nostre convizioni dettano le nostre giornate. Come catene invisibili, le convizioni limitanti scelgono per noi ciò che penseremo e faremo: minuto dopo minuto, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana.

Ho letto recentemente che nei circhi i cuccioli di elefante vengono legati con catene molto pesanti: nelle prime settimane di vita, i piccoli elefanti cercano di liberarsi in ogni modo, senza riuscirci. Con il tempo, si convincono che non esista via di uscita e si arrendono. Per questo motivo gli elefanti adulti vengono legati con funi leggere: potrebbero liberarsi facilmente, ma sono convinti che non sia possibile.

Una convizione pertanto è qualcosa che noi crediamo vera: non ha importanza che lo sia o meno.

Da dove vengono le nostre convinzioni

Sei pronto? Quello che sto per dirti è il Sacro Graal di ogni frignone: è tutta colpa dei nostri genitori!

Ahhhhh… come ci si sente ad essere completamente deresponsabilizzati dai propri fallimenti?!

  • Sei convinto di non essere capace di raggiungere i tuoi obiettivi? Colpa di mamma e babbo!
  • Pensi di non meritare di fare soldi? Colpa dei tuoi vecchi!
  • Credi intimamente di non piacere agli altri? Indovina…? Colpa dei tuoi genitori!

Che lo abbiano fatto intenzionalmente o meno, i nostri genitori hanno profondamente influenzato la nostra visione del mondo, fin dai nostri primi anni di vita. E come se non bastasse, negli anni successivi ci si sono messi anche i nostri maestri/professori, gli amici, Vespa, Santoro, e la società in generale!

Un bel problema vero? Ma a questo punto ti si presenta una scelta: puoi continuare a fare il frignone e gongolare nell’idea che la situazione in cui ti trovi sia irrimediabilmente colpa del mondo “brutto e cattivo”, oppure… puoi scegliere di cambiare le tue convizioni.

Cambiare le proprie convizioni limitanti non è cosa semplice. Le convizioni limitanti, come molte trappole della nostra mente, svolgono un compito ben preciso: ci danno sicurezza, ci fanno sentire a nostro agio. Se non te la senti di affrontare questo cambiamento è inutile che continui a leggere: questo è il link per facebook; ne riparliamo quando ti sono maturate le barbabietole su Farmville 😉

…se invece hai scelto di continuare a leggere, di smascherare le tue convizioni limitanti, ecco da dove iniziare.

Come cambiare le nostre convizioni limitanti

Per intaccare schemi mentali sedimentati da anni, dovrai affrontare un vero e proprio lavaggio del cervello. Ecco i tre passaggi chiave:

  1. Diventa consapevole delle tue convizioni limitanti. In qualsiasi percorso di cambiamento e crescita personale, la consapevolezza rappresenta il primo passo. Per identificare le nostre convizioni limitanti è sufficiente osservare i nostri pensieri: cos’è che continuiamo a ripeterci? Perché facciamo determinate scelte? Quali sono i pensieri che si presentano più spesso alla nostra mente? Cos’è che ci spaventa? Prenditi 30 minuti del tuo tempo, e prova a scrivere le tue convizioni su un foglio di carta: cosa pensi sia necessario per raggiungere i tuoi obiettivi? Per fare soldi? Per riuscire negli studi? Per essere apprezzato dagli altri?
  2. Riformula le tue convizioni limitanti al contrario. Una volta identificate le tue convizioni limitanti, prova semplicemente ad invertirle. Ecco un esempio: “la vita è solo una questione di c**o” diventa “la vita è solo una questione di scelte” e così via. Rileggendo le nuove convizioni, probabilmente sorriderai: “nahhh, non è possibile, tutte cavolate”. Ecco hai appena trovato un’altra convizione limitante da aggiungere alla tua lista e riformulare: “tutto è possibile, i cambiamenti possono avvenire realmente”.
  3. Cerca conferme per le tue nuove convizioni. Pensi che le nuove convizioni siano irrealistiche? Sforzati di cercare prove della loro esistenza nelle storie di successo di chi ha raggiunto gli obiettivi a cui aspiri, osserva le persone che ti circondano, cavolo… usa Google! Dando concretezza alle tue nuove convizioni, inizierai a pensare che in fondo non siano così irrealistiche, ma soprattutto, smonterai, un mattone alla volta, le tue vecchie convinzioni.

Ormai sei un “elefante adulto”: liberati dalle tue catene.

Foto di Zniper Vai all’articolo >>

Vuoi continuare a leggere?

  1. Primavera: è tempo di cambiare vita!
  2. Fallo! 5 cose che puoi iniziare a fare oggi per cambiare vita
  3. 10 abitudini per cambiare vita (parte 1)


Perché un sito web ha successo?

28/03/2010

Check this post Perché un sito web ha successo? from HTML.it – Articoli:

Gli elementi che determinano il successo di un progetto web
Questa è la traduzione dell’articolo What makes a website successful? It might not be what you expect! di Paul Boag pubblicato originariamente su 24 Ways il 4 Dicembre 2009. Cosa produce il successo di un sito e il fallimento di altri? Messa in un…

Autore: Paul Boag
Categoria: Web Design